RISCOPRIAMO L'ANTICA LAVORAZIONE DELLA FUSIONE IN TERRA

La classicità delle forme si fonde con la tradizionalità delle tecniche impiegate per la realizzazione di una collezione di prodotti la cui porosità e rugosità diventano garanzia di autenticità e unicità. É proprio l’esclusività a donare valore a questi prodotti e il difetto, generalmente associato allo scarto, assume invece un significato peculiare ed esclusivo.

 

Se i processi di industrializzazione hanno comportato un progressivo allontanamento rispetto alle lavorazioni manuali, facendoli diventare procedimenti obsoleti e sempre meno adoperati, con questa tecnologia avviene un ribaltamento di tendenze recuperando l’attenzione per la manualità e quindi il lavoro dell’artigiano.

 

La fusione in terra consiste in un processo di colatura metallica che utilizza la sabbia come stampo per il materiale. Il modello, prima realizzato con cura in legno intagliato, viene inserito all’interno dello stampo in sabbia e pressato fino a definire la forma desiderata molto accuratamente. Nella fase successiva il modello in legno viene
estratto e lo stampo formato viene richiuso, a questo punto è possibile procedere con la colatura del materiale all’interno dello stampo per la formazione del prodotto, che successivamente verrà rifinito grazie all’abilità di artigiani esperti.

Osservando i processi naturali e le imperfezioni che vengono generate talvolta dalla casualità e talvolta dallo scorrere del tempo, è possibile comprendere come le variazioni cromatiche, le trasformazioni superficiali e le alterazioni dei volumi risultino in realtà caratteristiche molto seducenti ed espressive. Le imperfezioni rendono un soggetto unico e irripetibile e quindi a suo modo perfetto. L’emozione di questa scoperta è il valore aggiunto che viene ricercato negli oggetti di cui l’uomo si circonda e che vuole sentire speciali, ricercati ed esclusivi.

 

Spesso gli oggetti più affascinanti sono quelli in cui il tempo ha impresso una storia, oggetti che sanno evocare il passato e nella cui imperfezione è possibile riscoprire un’immagine impressa nella memoria o rivivere un particolare ricordo. In genere hanno qualità visive e tattili assolutamente uniche e presentano alcune imperfezioni che accrescono il loro valore, a testimonianza della loro autenticità ed originalità. Allo stesso modo ogni manufatto
Ad-Hoc possiede un potenziale estetico ed immaginativo e porta con sè una storia di artigianalità e ricercatezza che viene rivelata attraverso la sua superficie dove l’imperfezione è parte stessa del racconto.

 

Scarica il catalogo della Divisione Ad-Hoc: https://we.tl/k8QSq9uxfs

o contattaci per chiedere ulteriori informazioni scrivendo a: info@omporro.eu

0
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.Aggiorna ora

×